top of page

Pose in piedi

In una pratica yoga, le prime lezioni spesso si concentrano sul semplice atto di stare in piedi.

Se riesci a sentire il tuo peso rilasciarsi nei tre punti di contatto tra il piede e la terra, potresti essere in grado di sentire il sostegno che la terra ti restituisce attraverso l'azione degli archi del piede e dei muscoli che li controllano .

Gli umani sono le creature meno stabili, poiché possiedono la base di appoggio più piccola, il centro di gravità più alto e (proporzionalmente) il cervello più pesante in equilibrio su tutto.

L'architettura dei piedi, insieme alla loro muscolatura, mostra l'ineguagliabile capacità della natura di riconciliare e neutralizzare le forze opposte.

Le scarpe rigide e le superfici pavimentate insegnano ai nostri piedi ad essere passivi e inarticolati. Gli esercizi di yoga vengono eseguiti a piedi nudi, con molta attenzione per ripristinare la forza e la flessibilità del piede e della parte inferiore della gamba.

Gli archi dei piedi sono impegnati e si connettono con il supporto del pavimento pelvico, del basso addome, della gabbia toracica, del rachide cervicale e della corona della testa.

La struttura essenziale del piede può essere rappresentata da un triangolo. I tre punti del triangolo sono i tre punti in cui la struttura del piede poggerà su un piano di appoggio:

  1. il tacco

  2. l'estremità distale del primo metatarso

  3. l'estremità distale del quinto metatarso

Le linee che collegano questi punti rappresentano tre degli archi, linee di portanza attraverso le quali si ricava il supporto posturale:

  1. l'arco longitudinale mediale

  2. l'arco longitudinale laterale

  3. l'arco trasversale (metatarsale).

C'è anche un quarto arco, chiamato arco trasverso mediale o arco tarsale, cioè attraverso le ossa tarsali dal navicolare al cuboide.

Il piede si è evoluto in un mondo senza strade o marciapiedi. Quando l'adattabilità del piede non è più necessaria durante la locomozione, i muscoli più profondi che sostengono gli archi possono indebolirsi, lasciando infine solo la fascia plantare superficiale non muscolare responsabile di prevenire il collasso del piede. Più i muscoli di supporto dell'arco si indeboliscono, più pressione viene esercitata sulla fascia plantare, che può provocare fascite plantare e sperone calcaneare, nonché gonfiore metatarsale.

Posizioni in piedi hanno il più alto centro di gravità di tutti i punti di partenza

foot.png
bottom of page